COS’È UNA DIDASCALIA?

La didascalia è un testo filmato con la macchina da presa ed introdotto nel mezzo del film, generalmente per fornire allo spettatore battute dei dialoghi tra i personaggi, materiale narrativo, descrittivo o esplicativo delle riprese. Le didascalie furono il pilastro portante del film muto.

I 3 CASI IN CUI SI POSSONO VISUALIZZARE LE DIDASCALIE DURANTE LA VISIONE DEL FILM:

1) TEMPORALI


Quando lo si è scelto come stile del racconto (senza appesantirlo troppo), può essere efficace l’indicazione dei giorni o del tempo che passa (pensiamo al timer di una bomba).  

ESEMPIO:

LEGGI LA SCENEGGIATURA COMPLETA

2) DI LUOGO


Servono per indicare allo spettatore il cambio di scenografia da una città ad un’altra, da un paese senza che venga comunicato nel dialogo.   

3) RIASSUNTIVE


Sia all’inizio che alla fine del film (ma in qualche caso anche in mezzo), si ricorre al riassunto delle premesse o delle conclusioni della storia narrata nel film.  Anche in questo caso il testo va scritto in buona evidenza al centro della pagina. Il testo poi scorrerà sullo schermo, oppure verrà letto da un narratore (o entrambe le cose).

La stessa cosa vale nel caso in cui si vogliano raccontare brevemente i destini dei protagonisti alla fine del film, inseriti prima dei titoli di coda. 

ESEMPIO:

 
 
Facebook Comment

 

Leave A Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *